HOME********** NEWS********** ABOUT********** GALLERY

15 novembre, 2006

Lucca Tales: Giorno 4

sabato 4 novembre, E' qui la ComicFest? Sarà forse l'improvviso arrivo dell'autunno, oppure è il mio fisico che si sta adattando al ritmo frenetico di questi giorni e magari sta subendo una mutazione genetica acquisendo dei superpoteri o magari, hanno solo cambiato marca del tè. Eppure, c'è qualcosa di nuovo in me stamattina.
Ci penso mentre faccio colazione in attesa che smoky finisca di fare la doccia. Poi, devo arrendermi all'evidenza: ho mal il di gola, preludio dell'influenza che sicuramente non tarderà ad arrivare!
Per fortuna il mio compagno di viaggio, nonostante sia bionico ed apparentemente non ne avrebbe bisogno, possiede in valigia una vera e propria farmacia ambulante e alla bisogna sfodera un fornitissimo campionario di analgesici, antipiretici, antinfiammatori ed anche una supposta dalle dimensioni tipo thermos, che credo gli serva per ragioni meno ortodosse.
Meno male che per entrare nei padiglioni degli stands è sufficiente il pass dell'organizzazione, perchè se fosse necessario il test antidoping, sarei fregato per via di tutti i medicinali che ho tragugiato. Sulle prime, credo di vederci doppio, ma poi mi rendo conto che la giornata semifestiva ha favorito un notevole aumento di pubblico, rispetto ai giorni passati. Mi muovo a fatica tra gli stands ma questo non mi impedisce di scorgere tra la folla molte facce note. Il primo è il buon Fabrizio Lo Bianco, finalmente giunto a destinazione superando le insidie del bosco che circonda l'agriturismo che lo ospita. Poi, via via tutti gli altri e per rimanere in tema di conterranei cito: Massimo Dall'Oglio, Emiliano Longobardi, Antonio Solinas, Bruno Enna, Mauro Giordani, Gisello Puddu, (non me ne vogliano coloro che ho dimenticato) che, con tutti gli altri sardi già presenti da qualche giorno, compongono uno dei gruppi etnici più numerosi, assieme ai siciliani, con i quali scopriamo un'affinità che quasi ci porta al gemellaggio.
Spunta perfino una bandiera dei "quattro mori", dietro la quale si crea un'accenno di sfilata allegorica. Scopro il fenomeno Mauro Cao coautore di Bookcrossing (ed.Tunuè), nato a Roma da genitori sardi, che parla la limba meglio di me e si commuove davanti alla bandiera. Voto: 10!
Il mio desiderio sarebbe quello di riunirci tutti per una foto di gruppo, ma l'impresa si rivela impossibile e devo accontentarmi di coloro che trovo. Ci penserà poi la mia macchina fotografica a fare una cernita del materiale, bruciando gran parte degli scatti (Grrr!).
Improvvisamente, un immagine che mi evoca Melville; tra il mare di teste a perdita d'occhio, annunciato come Moby Dick, la cui presenza era rivelata da uno stormo di gabbiani, appare Niccolò Storai in tutta la sua mole (ma non sono sicuro che ciò che gli volava sulla testa fossero gabbiani), ci salutiamo calorosamente e poi, così com'è arrivato, se ne va. Per un attimo ho creduto di vedere sulla sua schiena il corpo di Acab, prigionieri dei canapi, che mi esorta a seguirlo. Ma in fondo, credo di essermi sbagliato.
Nel frattempo nella mia borsa degli acquisti finiscono tra gli altri: "Appunti per una Storia di Guerra" di Gipi, il "Silver Surfer" di Lee - Moebius e "Debbie Dillinger" di Daniele Tomasi, che vanno a fare buona compagnia agli albi comprati nei giorni scorsi.
Finalmente riesco a fare un pranzo degno di questo nome anche se con molta difficoltà, non avendo prenotato in nessun ristorante. Tra un boccone e l'altro, scambio con la dovuta tranquillità due chiacchere con Lo Bianco, Davide Barzi, Bruno Enna, Giovanni Rigano e gli altri commensali. Poi si va a tutti altrove a digerire e a continuare la piacevole conversazione. I fenomeni di aerofagismo post digestivi, ho preferito farli in perfetta solitudine.
Anche questa giornata volge al termine. Non prima di aver effettuato un'altro tentativo di stare dietro agli eventi in calendario; pìa illusione.
Piuttosto, dov'è smoky man? di lui ho perso le tracce fin dalla mattina, dopo che abbiamo preso parte alla presentazione del suo libro Watchmen, 20 anni dopo. Le sporadiche notizie che mi giungono non sono rassicuranti - si è detto che egli fosse impegnato a camminare sulle acque, ma io continuo a non dare seguito a queste voci tendenziose -.
Riesco a recuperarlo appena in tempo per aggregarci al gruppo che, dopo cena, è intenzionato a prendere parte alla Comic Fest, organizzata in un locale del centro. Ma il posto si rivela subito saturo di gente, con musica a palla, difficilmente vivibile.
Decidiamo quindi di stare fuori, anche perchè ormai si è innescata una discussione volta a determinare chi abbia fatto in passato, la più grande figura di merda. La tenzone ormai appassiona tutti.
Inutile dire che il sottoscritto si è rivelato un vero fuoriclasse, sbaragliando la concorrenza con il suo racconto del "Puttanaeva", vero must tra tutte le figure di merda di tutti i tempi.
Ma ormai è tardi e poche ore di sonno ci separano dal quinto ed ultimo giorno di questa avventura.
Argomenti correlati:

24 commenti:

Mirko ha detto...

Ma perchè smoky, sulla destra, sembra un borseggiatore?... ;)

Salut..

mirko

Bruno ha detto...

@Mirko> Smoky "è" un borseggiatore, o meglio: è anche un borseggiatore!
:-)))

smoky man ha detto...

1. mi fai sempre iper-serio, tipo serial killer, nei tuoi disegnini ;)
2. Scrivi "Watchman, 20 anni dopo" e tutto il mondo sa che è WatchMEN!!! 'gnorante
3. cerchi di confutare verità: ovviamente cammino sulle acque!
4. segui i cartelli per arrivare a casa mia... forse ti aspetto ;)

baci baci
fumosi fumosi

Bruno ha detto...

@smoky man> Beh, se questo fosse l'unico refuso di tutto il resoconto, ci metterei la firma!
Purtroppo, in effetti... Bisius, credo che non saranno finiti qui.
Cmq, provvedo subito.
Per il resto, vorresti dirmi che non eri serio mentre contemplavi il contenuto del bicchiere, fuori dal locale, quel sabato?
:-)))))))))

bruno enna ha detto...

Era ora che comparissi anch'io tra i figuranti della tua odissea. Mi piace figurare, di tanto in tanto. La storia della "puttanaeva" me l'ha raccontata Emiliano, ora che ci penso, e io ieri l'ho raccontata ai miei cognati... che la racconteranno ai loro figli e così via. Finché i figli dei figli non ti scoveranno mentre sorseggi un Bacardi sulle rive del mar rosso e chiuderanno il cerchio, dicendo: "Ma allora è accaduto davvero! Puttanaeva!"

Augh!
Bruno

Bruno ha detto...

@Bruno Enna> Eh, si. Come dicono a Roma, a chi tocca nun se 'ngrugna!
:-)))
La storia del "puttanaeva" l'ho tenuta in serbo per la prossima puntata. Dulcis in fundo, e quindi tra poco sarà di dominio pubblico!
:-)))

Anonimo ha detto...

Puttanaeva!
Una delle migliori di sempre...
Sto ancora ridendo.

Il reportage e' assolutamente eccezionale!

emo ha detto...

se rido ancora una volta da solo com'è appena successo, prendo e mi butto a volo d'angelo fra le macchine.

Bruno ha detto...

@Antonio>
@Emo>
Eh, eh... la classe non è acqua!
(sigh!)

Anonimo ha detto...

Per la prossima fiera propongo ufficialmente di organizzare un incontro di calcetto Siculi vs. Sardi!
Uno scontro tra titani, specie visto i fisici da lanciatori di coriandoli che possono vantare entrambi gli schieramenti!

Anonimo ha detto...

Per la prossima fiera propongo ufficialmente di organizzare un incontro di calcetto Siculi vs. Sardi!
Uno scontro tra titani, specie visto i fisici da lanciatori di coriandoli che possono vantare entrambi gli schieramenti!

Bruno ha detto...

@Cinicus> Mitico, grandiosa idea!!!
Io e te siamo sicuramente due "grossi" giocatori! :-))))
Ti prendo in parola. All'approssimarsi dell'evento ricordiamoci di rilanciare la proposta.

emo ha detto...

io gioco in porta, non rompete le palle.

smoky man ha detto...

Quando volete! Io a calcetto me la cavo abbastanza. Prevalga la Sardegna!
[direi a napoli con. chi prenota campo? Ad Angoulemme sul ghiaccio la vedo difficile ;)]

baci e abbracci...
ma Bruno sta accidenti di ultima puntata quando la posti. Non dirmi che stai lavurando!

sm

Bruno ha detto...

@Emo> Aggiudicato, anche tu sei un "grosso" portiere adatto alle dimensioni di una porta di calcetto! :-)))))))))

@smoky man> Grazie alla tua ubiquità portai ricoprire tutti i ruoli in campo, contemporaneamente!
:-))))
L'ultima puntata è in cottura. Abbi fiducia! ;-)

emo ha detto...

@bruno> non solo grosso, ma grande. chiedere in giro per avere conferme. ;)
se avessi ancora voglia di correrci dietro, al pallone, potrei pure farmi valere come centrale o, in alternativa, punta d'appoggio. sono un ecclettico :)

Anonimo ha detto...

io posso fare il centroboa... ahah!
E come "straniero", voglio Mauro Cao!

Bruno ha detto...

@Emo> Beato te, sono lontani i giorni della mia piena attività calcistica (e calcettistica), nei quali anch'io nel ruolo di difensore centrale dicevo la mia. Ora sono solo un "grosso" difensore centrale e basta, purtroppo!;-)


@Antonio> Ecco il ruolo che mancava, aggiudicato! :-)
Mauro Cao potrebbe fare l'oriundo!
:-)))))

smoky man ha detto...

bru, ma sta ultima puntata???

io ho cmq aggiornato il blogghe... con altro report dello smoky tour...

ciaooooooooooooooooooooooooooooo

sm

Bruno ha detto...

@Smoky man> Arriva, arriva... se solo riuscissi a sistemare due o tre cosette potrei già postarla.
Ultimamente sono un pò preso, ma per nulla al mondo lascerei incompiuta una tale opera letteraria!
:-))))

marcocorona ha detto...

ma com'è che ti disegni acciughino?
smoccolo man invece è perfetto con quell'aria da maniaco dei giardinetti.

Bruno ha detto...

@Marco Corona> Ciao grande Marco, benvenuto da queste parti.
In effetti mi disegno così, perchè spero un giorno di riuscire a dimagrire per assomigliare ai miei disegni. Ma comincio a credere che non funzionerà mai! :-((
Smoky, lo ripeterò all'infinito, "è" un maniaco dei giardinetti!
:-))))
A presto!

smoky man ha detto...

Bestio, ma sta acc di 5a puntata??? Che fai come un dio minore ma altezzoso e il 5o giorno ti riposi?

smoky "cammina sulle acque" man ;)

Bruno ha detto...

@Smoky> impaziente che non sei altro! se ce la faccio, oggi dovrebbe essere online.