HOME********** NEWS********** ABOUT********** GALLERY

20 marzo, 2007

... E infine!

© - Dupuis Ecco la vignetta relativa al work in progress del post precedente, nella versione praticamente definitiva.

5 commenti:

mauro ha detto...

Ciao Bruno, scusa se ti rispondo solo ora,ma alice di ...non mi faceva connettere. HO una wacom enorme, ma non mi ricordo il nome comunque è grigia scuro ed ha gli shift laterali. E' bellissima, ma io non sono proprio un fenomeno con il colore digitale..me l'ha regalata mio padre che l'ha comprata, a mia insaputa, da un suo amico. Ah comunque le tavole colorate sono splendide, bellissimo oltre che interessante il work.
Ciao

Bruno ha detto...

@Mauro> Nessun problema, figurati.
Anch'io uso una Wacom modello Graphire, il formato è piccolo perché sul mio tavolo non avrei lo spazio necessario per poterci mettere una tavoletta grande.
Il nome del modello della tua puoi trovarlo guardando in una piccola etichetta sotto la tavoletta stessa.
Grazie per i complimenti! ;-)))

Ketty Formaggio ha detto...

Ciao Bruno,
bella colorazione.
Come gestisci i livelli nella colorazione? basi, ombre(moltiplica) luci(schiarisci)? o la fai pittorica mettendo ombre e luci delle stesso elemento sullo stesso livello?

Bruno ha detto...

@Ketty Formaggio> Come ho già detto, non ho un metodo fisso. In genere, tengo livelli separati per ogni elemento o piano della vignetta, es.: livello "Alberi in PP", livello "Alberi sfondo", livello "suolo", a seconda della prospettiva. Poi se sono abbastanza sicuro, procedo in maniera pittorica sui singoli livelli con le luci e le ombre, usando i pennelli nelle varie forme, livello di trasparenza e modalità (moltiplica, scherma, ecc...), oppure creo livelli ombra e luci, a seconda del sentimento, tenendo sempre conto delle istruzioni dell'editore in merito alla separazione del nero, profili colore particolari, ecc...
In linea di massima, separo le singole vignette in gruppi di livelli, nei quali sono contenuti tutti gli elementi di cui sopra.
:-))

Ketty Formaggio ha detto...

Grazie per la pazienza Bruno, ora ho capito! :) baci!