HOME********** NEWS********** ABOUT********** GALLERY

15 giugno, 2006

La "mia" tromba

Fin da piccolo ho desiderato possedere una tromba. Mi sarebbe piaciuto poterla suonare ed esserne capace, nonostante non ci fosse nessuno in famiglia o tra i miei amici che la suonasse, dai quali trarre ispirazione. Neppure tra i miei idoli di allora c'era qualcuno che sfoggiasse quel magnifico strumento, infatti in quegli anni nei quali il "rock progressive" la faceva da padrone, era tutto un turbinio di chitarre, armoniche a bocca, violini, flauti traversi, organi hammond, pianoforti, ecc...
In virtù di tutto questo, con il passar del tempo mi sono avvicinato ad alcuni di questi strumenti musicali e così ho iniziato a strimpellare la chitarra, suonicchiare l'armonica a bocca senza privarmi di una repentina e fugace escursione sulle tastiere.
Ma il desìo per il tanto agognato "oggetto", non si è mai sopito. E così l'anno scorso, dopo più di sette lustri, mi sono ritrovato a passare davanti ad un negozio di strumenti musicali situato all'interno di un grande centro commerciale della mia città e nella vetrina, faceva bella mostra di se una tromba. Il prezzo non eccessivo, dato che si trattava di uno strumento da studio, la bellezza della sua linea e il luccichìo del metallo cromato hanno fatto leva su di me che, da qualche minuto, non mi muovevo da li e continuavo a fissarla come un bambino davanti ad una gelatina di frutta. Insomma, tra me e me pensavo:
- Questa è la volta buona... adesso entro e me la compro!
Ma il mio angelo custode (se mai ne ho avuto uno), approfittando di una distrazione del mio diavoletto tentatore (di quelli si, che ne ho un'intera guarnigione alle mie spalle, che si danno il cambio ventiquattro ore su ventiquattro), mi indusse a desistere da tal proposito.
Dopo quel giorno, passai altre due volte davanti a quella vetrina, a distanza di circa tre settimane l'una dall'altra e la tromba stava sempre la, bellissima, superba e ammaliatrice. Era il segno (o il pretesto) che cercavo e, rotti gli indugi, entrai nel negozio tra gli applausi scroscianti dei miei diavoletti tentatori che inscenarono perfino una "ola" da stadio!
Durante il tragitto che mi riportava a casa, ogni tanto mi distraevo dalla guida per buttare un'occhio in direzione del sedile del passeggero, nel quale avevo sistemato la custodia nera che conteneva la "mia" preziosa tromba nuova. Nonostante l'imprudenza, riuscii a rincasare indenne.
Di lì a cinque minuti, seduto sul bordo del letto, avevo la "mia" tromba tra le mani; finalmente ne toccavo una, ma non una qualsiasi... toccavo la "mia" tromba. Ero al settimo cielo.
Con trepidante e verginale emozione, avvicinai alle labbra il bocchino dello strumento e con solenne postura, inspirai pronto a far tuonare il bellissimo oggetto che avevo tra le mani. Ma, dopo averci soffiato dentro, delusione delle delusioni: dalla tromba non uscì nessun suono!
I lettori avvezzi all'uso dello strumento staranno ridendo a crepapelle, del sottoscritto e della sua beata idiozia.
In effetti, non avevo fatto i conti con l'estrema difficoltà insita nell'apprendimento di questo strumento e, senza l'ausilio di un'insegnante, nonostante la consultazione di vari metodi e manuali "per imbecilli", ho subito capito che difficilmente ne avrei tirato fuori qualcosa.
E' passato un anno da quel giorno. Ogni tanto apro la custodia nera, estraggo la "mia" tromba e ci soffio dentro con lo stesso identico risultato della prima volta anche se, a dire il vero, in uno degli ultimi tentativi sono riuscito ad emettere qualche piccola timida pernacchia. Poi, deluso, la ripongo nel suo alloggiamento e vado a consolarmi con una delle mie chitarre dalle quali, se non altro, riesco ad emettere una melodia, o presunta tale.
Adesso la "mia" tromba giace li, dormiente, ma sicura che arriverà il giorno nel quale riuscirò a restituirle quella dignità che gli ho negato nel momento estatto in cui ho poggiato il bocchino sulle labbra. Prima o poi, mi deciderò a prendere qualche lezione seria. Finalmente.

8 commenti:

iodisegno ha detto...

Avendo convissuto circa 30 anni con un fratello trombettista e essendo afflitto da "studio passivo di tromba" (ovvero rimbecillito dagli estenuanti, interminabili, monotoni esercizi tecnici fatti del consanguineo) ti dico: non sarà una passeggiata.
Ora lui è un grande musicista ma anche quando suona (alla grande) uno standard di Jazz, a me sembra di sentire quelle ore infinite di suoni lunghi, arpeggi e altre amenità che mi hanno rovinato la vita per sempre!!!

Comunque auguri ;)

LaPix ha detto...

Bruno,che ridere, non ti facevo così jazzofilo!:-))) Hai fatto benissimo a prenderti la tromba, 'ste botte di vita ci vogliono, anche se mi sembra difficilissimo imparare a suonarla. E se capiti dalle nostre parti puoi sempre passare alla caserma vicina a casa nostra, dove c'è un Trombettista Solitario che tutte le notti a mezzanotte suona "il Silenzio"... magari ti può dare qualche lezione ;-)

Bruno ha detto...

@iodisegno> Antonio grazie per l'avvertimento, laddove ce ne fosse bisogno. Infatti credo di essermi perfettamente reso conto della difficoltà. Ma io non demordo.
Piuttosto, tu hai un fratello jazzista che suona la tromba!? Devi farmi sapere subito quali CD debbo comprare per sentire la sua musica. Un po' per passione verso il genere musicale ed un po' per condividere con te quel suono che ti ha tediato per trentanni! :)))
Io, mi accontenterei di riuscire a fare qualche scala musicale e, magari, suonare "'O Susanna" senza avere la frustrante sensazione di delusione ogni volta che ci provo.
Ciao :)))

Bruno ha detto...

@LaPix> Ti ringrazio per l'invito, ma a costo di darti una cocente delusione debbo dirti che credo che il trombettista della caserma sia, in verità, una registrazione!
:D
Ne sono certo perchè per più di vent'anni ho abitato vicino ad una caserma dell'aereonautica e, essendo amico del figlio del colonnello, già da tempo ho fatto mia questa verità.
Magari, potrei approfittarne per suonare il "Silenzio" in playback, facendo finta di pigiare sui pistoni. Farei un figurone!!!
<:D

LaPix ha detto...

Incredibile, Bruno... non é rimasto + nulla di genuino, neanche nelle caserme! Che delusione... sob

Bruno ha detto...

@LaPix> Peccato che non facciano anche i soldati di plastica, sob!
:)))

vocina ha detto...

Ma dai, sono sicura che riuscirai a cavarci un suono.. Però che ridere. A me era successo col sax, ma per fortuna non l'ho comprato. Ho deciso di continuare quello che avevo sempre fatto. Cantare. Con qualche variazione sul tema.

Bruno ha detto...

@vocina> ... mah, lo spero proprio! Per il momento debbo accontentarmi di flebili suoni che evocano meno nobili flatulenze. Per il sax mi dicono che è diverso dato che, avendo l'ancia, non è uno strumento labrofono e soffiandoci dentro, almeno una nota dovrebbe produrla.

In bocca al lupo per la tua arte. ;-))